Come richiedere un prestito personale online
Home BlogFinanziamentiCome richiedere un prestito personale online

Come richiedere un prestito personale online

Mi serve un prestito personale. Come faccio? Dove vado?

Hai bisogno di un prestito e stai cercando informazioni su come richiedere un prestito personale online. Ecco cosa devi e cosa non devi fare per ottenere un finanziamento.

Il prestito a rate è ormai molto conosciuto ed utilizzato per acquistare diverse tipologie di beni e servizi che vanno dall’auto nuova o usata, il camper, la moto, la barca, fino ad arrivare a spese dentistiche, spese estetiche, e viaggi e vacanze. Molto utilizzati anche i prestiti per ristrutturazione della casa e anche i prestiti per il consolidamento debiti.

Con il prestito a rate, puoi accedere subito a quello che ti serve, pagando comodamente in rate mensili l’importo richiesto, sommato agli interessi e alle spese che sono necessarie per la pratica di finanziamento.

Il prestito generalmente può durare da 3 a 120 rate e con importi dai 1000 ai 60.000 euro.

Come richiedere un Prestito Personale

Innanzitutto un prestito personale è un prestito non finalizzato, ovvero non è necessario o richiesto indicare la motivazione della richiesta di prestito. Il richiedente quindi può utilizzarlo per esigenze di liquidità varie.

Come richiedere un Prestito Finalizzato

Il prestito finalizzato invece, si chiama cosi’ proprio perché è necessario indicare cosa si acquista, documentando a volte anche la spesa con un preventivo. Di solito utilizzato per l’acquisto dell’auto, per la ristrutturazione della casa, ecc.ecc.

Cose da sapere per richiedere un prestito online

Prima di tutto bisogna tenere in considerazione che per richiedere un prestito ci sono degli aspetti molto importanti da non sottovalutare. Dobbiamo chiedere un prestito personale ad una banca o ad una finanziaria e dobbiamo fornire le informazioni necessarie per la richiesta del prestito.

Quindi dobbiamo aver ben chiaro:

  • L’importo del prestito che vorremmo richiedere. In questo caso si possono richiedere prestiti dai 1.000 euro ai 60.000 euro. In alcuni casi anche importi inferiori e superiori, ma in linea di massima il range è questo.
  • La rata che possiamo tranquillamente pagare mensilmente per il nostro prestito. Teniamo conto che questo è un aspetto molto importante perché è indispensabile che la rata sia “affrontabile” tutti i mesi, tenendo conto delle proprie attuali e future disponibilità finanziarie. A questo proposito, la banca o la finanziaria che eroga il prestito in base alla vostra situazione reddituale, potrà concedervi un prestito con una rata che rispetti un certo rapporto con il vostro reddito netto mensile (al netto di altre rate per finanziamenti o mutui ipotecari, pro quota se intestati anche ad altre persone).
  • La durata massima che vogliamo far durare il nostro prestito. Ovviamente queste 2 variabili (durata del prestito e importo della rata) sono correlate. Ad esempio: Un prestito di 10.000 euro da rimborsare in 120 rate, avrà una rata mensile minore di un prestito di 10.000 euro da rimborsare in 84 rate. Ovviamente la differenza più importante nell’esempio riportato, sarà il maggior importo di interessi finali nel prestito più lungo, rispetto a quello più breve.

Come calcolare la rata di un prestito personale?

Il calcolo della rata di un prestito personale non è così semplice, perché necessitiamo di altre informazioni, come ad esempio il tasso di interesse che la banca o la finanziaria applica. E la rata sarà formata da una parte di capitale (ovvero il totale che richiediamo diviso per i mesi) e una parte di interessi, piu’ eventuali spese di incasso o assicurazione che tratteremo dopo.

Da notare che di solito, le rate saranno inizialmente per la maggior parte costituite dagli interessi e per una parte minore dalla parte capitale che andrà a diminuire quella richiesta. Con il passare dei mesi, aumenterà la parte di capitale e diminuirà quella degli interessi che si ridurrà praticamente a zero nell’ultima rata da pagare.

Perché questo? Perché il nostro prestatore, banca o finanziaria, vuole essere pagato prima….. e se per una ragione o per l’altra voglio estinguere prima della naturale scadenza il mio prestito, sicuramente gli avrò pagato anche una buona fetta di interessi.

Comparatori online per scegliere il prestito personale

Quindi per trovare il prestito che fa per noi e calcolare la rata, ecco che ci vengono in aiuto i comparatori online. Sono portali web che contengono informazioni relative ai prestiti che concedono numerose banche o finanziarie, generalmente connessi al portale con un contratto di affiliazione.

Tanto per citarne alcuni: Prestiti on line, Facile.it, Segugio.it, Supermoney.

Il Peer2Peer Lending è un altro modo per richiedere un prestito personale online

Non ancora così conosciuto come dovrebbe, il peer2peer lending è una forma di finanziamento che sta prendendosi fette sempre piu’ grandi di mercato nel settore dei prestiti personali.

In cosa consiste e come funziona? Sempre per il tramite di portali web, queste società mettono in contatto investitori e persone che richiedono prestiti, incrociando le richieste e guadagnando sulla differenza tra i tassi applicati ai prestiti e la remunerazione offerta agli investitori. Tagliando di fatto fuori dal gioco banche e finanziarie tradizionali.

Tra le più note: Smartika (anche se da Luglio è di fatto controllata da Banca Sella), PRestiamoci, Younited

Che documenti servono per richiedere un prestito personale

  • Una copia fronte e retro di un documento valido (non scaduto e preferibilmente con scadenza superiore a 6 mesi)
  • Una copia fronte e retro della tessera sanitaria per il codice fiscale
  • Una copia di una fattura di utenza che attesti l’indirizzo di residenza
  • Le ultime 3 buste paga in caso di lavoro dipendente
  • L’ultimo CUD o Modello Unico
  • L’F24 che attesti il pagamento delle imposte dell’ultimo anno in caso di lavoro autonomo

La richiesta di documenti non è standardizzata ed alcune banche possono richiedere integrazione di documenti a seconda dell’importo, del motivo della richiesta del prestito, del numero dei richiedenti, del rapporto rata/reddito, del numero dei prestiti già in essere, ecc.ecc.

Fai un preventivo senza impegno su uno di questi siti

Ho bisogno di un prestito ma non me lo concedono.

Le motivazioni dietro al rifiuto di un prestito, possono essere molteplici.

Tipo di lavoro, importo richiesto, rapporto rata-reddito, mancanza di garanzie richieste, problemi di segnalazione in Crif o altre Centrali rischi.