La Consob

La Consob

Lotta all’abusivismo (art. 7 TUF)

  1. La Consob può, nei confronti di chiunque offre o svolge servizi o attività di investimento
    tramite la rete internet senza esservi abilitato ai sensi del presente decreto:

    a) rendere pubblica, anche in via cautelare, la circostanza che il soggetto non è autorizzato allo svolgimento delle attività indicate dall’articolo 1, comma 5;
    b) ordinare di porre termine alla violazione.

Poteri della Consob ( Art. 99 TUF )

1. La Consob puo’:

a) sospendere in via cautelare, per un periodo non superiore a dieci giorni lavorativi consecutivi per ciascuna volta, l’offerta avente ad oggetto strumenti finanziari comunitari, in caso di fondato sospetto di violazione delle disposizioni del presente Capo o delle relative norme di attuazione;

b) sospendere in via cautelare, per un periodo non superiore a novanta giorni, l’offerta avente ad oggetto prodotti diversi da quelli di cui alla lettera a), in caso di fondato sospetto di violazione delle disposizioni del presente Capo o delle relative norme di attuazione;

c) vietare l’offerta nel caso in cui abbia fondato sospetto che potrebbero essere violate le disposizioni del presente Capo o le relative norme di attuazione;

d) vietare l’offerta in caso di accertata violazione delle disposizioni o delle norme indicate nelle lettere a) o b);

e) rendere pubblico il fatto che l’offerente o l’emittente non ottempera ai propri obblighi;

f) fermo restando il potere previsto nell’articolo ((66-quater, comma 1)), puo’ chiedere alla societa’ di gestione del mercato la sospensione in via cautelare, per un periodo non superiore a dieci giorni lavorativi consecutivi per ciascuna volta, delle negoziazioni in un mercato regolamentato in caso di fondato sospetto di violazione delle disposizioni del presente Capo e delle relative norme di attuazione; ((73))

g) fermo restando il potere previsto nell’articolo ((66-quater, comma 1)), puo’ chiedere alla societa’ di gestione di vietare le negoziazioni in un mercato regolamentato in caso di accertata violazione delle disposizioni del presente Capo e delle relative norme di attuazione. ((73))

2. Qualora la Consob, quale autorita’ competente dello Stato membro ospitante, rilevi irregolarita’ commesse dall’emittente o dai soggetti abilitati incaricati dell’offerta degli strumenti finanziari comunitari, essa ne informa l’autorita’ competente dello Stato membro d’origine.

3. Se, nonostante le misure adottate dall’autorita’ competente dello Stato membro d’origine o perche’ tali misure si rivelano inadeguate, l’emittente o il soggetto abilitato incaricato dell’offerta perseverano nella violazione delle disposizioni legislative o regolamentari pertinenti, la Consob, dopo averne informato l’autorita’ competente dello Stato membro d’origine, adotta tutte le misure opportune per tutelare gli investitori.

Dell’adozione di tali misure la Consob informa al piu’ presto la Commissione europea.

AGGIORNAMENTO (73)

Il D.Lgs. 3 agosto 2017, n. 129 ha disposto (con l’art. 10, comma 2) che “Le disposizioni del D.LGS. 24 febbraio 1998, n. 58, modificate dal presente decreto, si applicano dal 3 gennaio 2018, fatto salvo quanto diversamente previsto dall’articolo 93 della direttiva 2014/65/UE, con riferimento dell’articolo 65, paragrafo 2, della direttiva medesima, le cui disposizioni attuative si applicano dal 3 settembre 2019, e dall’articolo 55 del regolamento (UE) n. 600/2014, e successive modificazioni, nonche’ dal comma 3. […]

Fermo restando quanto previsto dalle disposizioni dell’Unione europea direttamente applicabili, le disposizioni emanate dalla Banca d’Italia e dalla Consob, anche congiuntamente, ai sensi di disposizioni del D.LGS. 24 febbraio 1998, n. 58, abrogate o modificate dal presente decreto, continuano a essere applicate fino alla data di entrata in vigore dei provvedimenti emanati dalla Banca d’Italia o dalla Consob nelle corrispondenti materie”.